"SOLO L'ASSENZA DI CERTEZZE PUÒ AIUTARCI A RESTARE LIBERI"
(Roberto Esposito)

domenica 19 novembre 2017

INUTILE GIRARCI INTORNO

(Attraverso il buio)
Lo dico, non lo dico…

Chi mi sta intorno nel mondo reale lo sa, chi frequento in quello immateriale del web no, ma anche tra le relazioni smaterializzate della rete mi pare di riconoscere qua e la qualcuno che posso chiamare amico, almeno nel senso un po’ vago ed indefinito dei legami possibili in internet.

Ci sono incontri e scambi rimasti in sospeso, risposte non date; così rimarrà per un po’ di tempo, per quanto non so.

Il perché è questione di un attimo, il tempo di una caduta.
Il mio compagno è da due settimane in rianimazione.

Aspetto.

domenica 12 novembre 2017

GUARDARE ATTRAVERSO IL BUIO

Kazimir_malevich,_quadrato_nero,_1915,_01

Kazimir Malevich, quadrato nero su sfondo bianco da QUI  (ma io voglio vedere lo sfondo bianco che traspare anche attraverso le screpolature)

D4°,  è il 6° giorno, sarebbe domenica ma non è che cambi molto. I giorni della settimana sono concetti astratti, qui di più.

Anche la differenza tra giorno e notte è più sfumata, la luce è sempre più o meno quella, l’attenzione e l’attività anche, entrambe sempre elevate senza darlo a vedere. Quello che cambia è solo la nostra presenza, alle dieci di sera ci mandano via. A volte viene il sospetto che sia per tutelare noi “esterni” così siamo costretti a prenderci cura anche di noi stessi.

Degli interni si prendono cura loro, noi qui siamo assolutamente inutili, a volte forse anche un po’ dannosi. Quando durante  il giorno ci allontanano per qualche minuto la sensazione è che non sia tanto per proteggere l’interno ma per evitare di dover badare anche a noi, facili al turbamento.

Aspetto.

venerdì 3 novembre 2017

OGGI NELL’ORTO

Sono andata a piantare l’aglio, ultimi giorni utili per averlo pronto per usarlo fresco ad inizio primavera, il lavoro mi ha rubato davvero poco tempo, la terra era morbida e umida al punto giusto e infilarci dento circa 250 spicchi come tante suppostine è stato un attimo 20171103_0287

Quattro fili per andare dritti e nessuna fatica.  Espletato il compito ho fatto un giro del campo, e con al macchina fotografica in mano ho compilato una sorta di inventario di quanto c’è in produzione.

Le luffe stanno cominciando a seccare, quindi avremo un bel po’ di spugne da usare e regalare se non sarà troppo umido. Ciondolano dai tralci quasi tutte ancora verdi, ma ormai di un colore tenue che vira leggermente al beige e iniziano a macchiarsi di bruno, una è già pronta da sbucciare.20171103_0236

A lato delle luffe i pomodorini maturano pian piano, qualcuno già pronto spicca come perle di corallo tra il fogliame fitto.20171103_0242

Poco oltre gli ultimi peperoni si nascondono come per tenersi caldi, solo pochi ormai riusciranno a divenire giallo sole,20171103_0240

pazienza, prima che geli li raccoglieremo verdi.
Le melanzane ormai fanno solo fiori che non riescono più ad allegare20171103_0279

però che belli sono, belli ed inutili come gli ultimi fiori di zucchino, piccoli soli autunnali

20171103_0252E ora ecco i cavoli veri principi tra le verdure invernali

20171103_0247

le venate verze che raccolgono le gocce lasciate dalla nebbia della notte,20171103_0248
i cappucci rossi che cominciano a sbucare tra le foglie,20171103_0253
quelli bianchi che sono ancora verdi,

20171103_0264
i cavolfiori privi di fiori, ci vuole tempo ma arriveranno,

20171103_0255
e poi i broccoletti che non aspettano altro che la padella in cui raggiungere l’olio e l’aglio, e poi, poi basta che il post è già troppo lungo.

Altri colori e altre foglie le lasciamo per la prossima volta

giovedì 2 novembre 2017

POVERE PIANTE DOVE VI METTO?

L’inverno pare avvicinarsi più deciso di quello passato, l’altra notte sul mio balcone a nord c’erano quattro gradi, fortuna che il mio compagno da bravo ortolano-carpentiere-cantiniere, segue attentamente l’evolversi del tempo e il giorno prima mi ha aiutato a ritirare il ficus benjamina che abita con noi da quando siamo in questa casa, ovvero da trentun anni

È cresciuto parecchio malgrado ogni inverno perda quasi tutte le foglie per la poca luce che possiamo offrirgli nei mesi freddi.

A fine maggio stremato dall’inverno in casa, ridotto all’ombra di se stesso, va sul balcone dopo una severa potatura. Lui generoso ogni estate si riveste di nuova vegetazione per fare bella mostra di se in casa per un mese, poi comincia piano piano a spogliarsi.

Ma oggi è bellissimo e ve lo faccio vedere

20171101_0226

Sulla piccola finestra di cucina c’è per ora la nursery:

20171025_0115

Una fila di baby tradescantie, dentro i barattoli vuoti del mais, figlie di seconda generazione di un furto a man salva da me compiuto ed un cucciolo di clorophytum direttamente di provenienza illecita destinato a diventare spero, a sua volta, una valida matricina di future piantine.

Il fatto è che un anno e mezzo fa ero in un garden e per un vasettino di tradescanzia minuscolo chiedevano uno sproposito, bellino era bellino ma otto euro per una piantina minuscola è indegno.

Io e una delle piantine ci siamo guardate intensamente negli occhi e la piantina inteso ciò che le chiedevo ha acconsentito a donarmi un rametto con tre foglioline.
Arrivata a casa le ho messe in un barattolo con un po’ di terra e a distanza di un anno e mezzo ho tradescantie ovunque, ecco qui sotto la figlia del peccato, madre di tutte quelle che ho regalato e che ho in casa, la ho appena fotografata col cello. per farvela vedere:


20171102_195138E poi dicono che il delitto non paga…

Chi vuole una tradescantia? Basta chiedere io ve la allevo e voi venite a prenderla Smile

Rimane il problema di trovar posto alle infanti che ora sono sulla finestra di cucina dove diavolo le metto che tra un po’ la casa pare una serra? E quando dovrò portare dentro anche quelle che sono sul balcone a est?

20171029_104552

Di cui qui se ne vedono solo alcune…

venerdì 20 ottobre 2017

LA GRAFFETTA

Ovvero: il diavolo si nasconde nei dettagli .

Una bimba del corso di ginnastica mi ha consegnato i moduli di iscrizione, erano fissati da una graffetta fatta a forma di “simpatico osso per cani”… O no?graffetta001a

Progettisti distratti o maliziosi?

domenica 15 ottobre 2017

LA SETE

Ovvero: un segno dei tempi.

Se, quando ero bimba, a scuola o in palestra avevo sete, andavo in bagno e, con la mano a coppa, la punta delle dita sotto il getto del rubinetto, accostavo le labbra alla base del palmo e bevevo.

Spesso l’acqua scorreva lungo il polso sino al gomito e gocciolava nella manica, per evitarlo qualche volta strofinavo il rubinetto in un tentativo di pulizia e attaccavo le labbra suggendo soddisfatta.

20171010_0084

Un gruppo di bambini in età da scuola elementare fa capriole e salti davanti a queste panche, mi pare siano abbastanza attenti e non confondono le loro bottigliette.

Tufferanno mai il viso in un torrente per bere? Useranno mai un culmo di una qualche erba selvatica per succhiare l’acqua da un rigagnolo?

Non credo. Peccato l’acqua bevuta così è buonissima ve lo assicuro.

sabato 7 ottobre 2017

DOPO IL FUOCO

E anche prima

Costa Marchigiana, un promontorio proteso verso il mare tutto ginestre e tamerici, al confine con la Romagna, è Monte San Bartolo.

2040

06

È un posto bellissimo, aggrappati alla falesia si susseguono alcuni paesi piccolissimi, Fiorenzuola di Focara per esempio:

2006-11-280078a20160416_6168a

20160416_6175a
20160416_6163aQuest’estate il 4 ed il 5 di agosto la scarpata lungo la falesia è stata devastata dal fuoco. Niente più tamerici, niente più ginestre.

Le fiamme hanno raggiunto la sommità del promontorio sino a lambire e bruciacchiare la staccionata della vecchia chiesa

2009-06-270028a
niente più lavanda,

102_1131(Foto di MOsco di Terre Alte)

20160416_6173e niente più staccionata per i baci dei ragazzini (non so chi siano, ma erano molto carini)

Rami scheletriti e cenere al suolo

20170917_0034

20170917_0040a20170917_0044aMalgrado tutto ancora tanta bellezza.
E le ginestre come arabe fenici…

20170917_0035a
Rinascono dalle loro ceneri

domenica 20 agosto 2017

FRAGOLA, LA BELLA ADDORMETATA

Ovvero: finalmente un nuovo post orticolo.

Ho scritto altre volte di fragolicoltura, ma è sempre mancato quello che avrebbe dovuto essere il post di partenza, quello dell’ impianto del fragoleto.

Dopo molto tempo rimedio, visto che il periodo giusto per cominciare è circa questo (in realtà quello ottimale è appena passato).

Quindi quest’ultimo post sulle fragole dovrebbe essere in reealtà il primo.

Alla fine, per un ripasso generale, inserirò i link a tutti gli altri.

Dunque cominciamo: perché parlare di fragole in agosto?
Perché l’ impianto di un fragoleto da produzione solitamente si fa in principio di questo mese.

Si utilizzano piantine frigoconservate, sono dei ragnetti marroncini che paiono più morti che vivi, in realtà le fragole stanno solo dormendo profondamente, eccone qui un mazzetto:

20170808_2818
Queste piante sono state prodotte a partire dalla fine del raccolto, quando gli stoloni emessi dalle piante che hanno fruttificato non vengono più eliminati, ma guidati ai lati della fila e fissati a terra con delle forcine per trattenerli a contatto del suolo e facilitare la radicazione.
Si lasciano tranquilli gli stoloni fino a gennaio quando le piante sono a completo riposo, allora li si separa dalla pianta madre e dopo averli estirpati, cercando di non danneggiare la radice, li si libera da tutte le foglie, li si confeziona in sacchetti di plastica e li si ripone in appositi frigoriferi a –2; –5 gradi fino ad agosto.

Per facilitare l’estirpazione conviene stendere a lato della fila di piante madri, il dove si fisseranno gli stoloni, una striscia di telo di plastica, ricoprendola poi di poca terra, le radici si svilupperanno in superficie e le piantine non si rovineranno quando le si coglie.

Eccoci dunque ad agosto dopo quest’ inverno prolungato ad arte per le nostre fragole inizia il risveglio.

Con un piccolo strumento detto forchetta

20170808_2819

si spinge la piantina  appena scongelata nel terreno umido sino al colletto20170808_2821

è importante non rimanere troppo superficiali e non troppo profondi per garantire il miglior attecchimento. Piantate tutte le fragole si bagna e si controlla la profondità di impianto, si sistemano quelle troppo superficiali e quelle troppo profonde

20170808_2822e si aspetta.
Dopo due tre giorni eccole risvegliate20170808_2824

Comincia la loro avventura, ora non rimane che seguirne con cura la crescita bagnandole e togliendo, per dargli forza, i fiorellini e gli stoloni che faranno. In tardo autunno andranno a riposo e poi a fine inverno si comincia il lavoro di preparazione alla produzione da

QUI: Fragole1
Fragole 2
Fragole 3
Fragole 4
Fragole 5
Fragole 6

E poi non direte mai più che le fragole costano troppo, ecco riassunto un ciclo produttivo:

agosto 2016 nuovo impianto 
fine febbraio inizio marzo 2017 pulitura fragoleto
fine aprile 2017 inizio giugno raccolta
fine giugno 2017 preparazione letto per gli stoloni
gennaio 2018 raccolta stoloni per il nuovo impianto

Un anno e mezzo di cure e attenzioni, e ovviamente due cicli produttivi si intersecano, quando pianto il nuovo fragoleto quello vecchio va badato per la produzione delle piantine per il ciclo che verrà…

giovedì 3 agosto 2017

PIENO SOSTEGNO

20170729_0591

20170729_093420170729_059520170729_1014

20170729_088420170729_1023

Appunto, fatevene una ragione.

Sull’altra pagina del, blog: le foto di vera, pubblicherò un po’ di foto dei volti di chi c’era.

mercoledì 19 luglio 2017

QUANDO LA MODELLA È IL QUADRO

Forse non proprio la modella, ma l’idea ispiratrice sì

indios 1

Quest’opera di Landi (QUI QUI E QUI  dei link a qualche suo lavoro) è servita come idea per il turucco di Deborah che ha fatto da inquietante guida attraverso i moti spettacoli della sera del 14 luglio a Castello di meleto (Saludecio RN)


20170714_0439

20170714_0458a


20170714_1013a

Manifestazione nell’ambito dell’800 festival di Saludecio, paesino che merita una visita se non altro per vedere i suoi moltissimi murales anche questi legati all’800 e dedicati alle invenzioni e scoperte di quel secolo

2004-12-1200032004-12-120016

2004-12-120017

Nell’altro mio blog LE FOTO DI VERA (Vedi in ato in questa pagina o segui il link ) altre immagini del trucco di Deborah