"SOLO L'ASSENZA DI CERTEZZE PUÒ AIUTARCI A RESTARE LIBERI"
(Roberto Esposito)

giovedì 15 giugno 2017

IUS SOLI


albertocane

Oggi ne discutono in senato, e io rubo ad Alberto, una foto che mi è molto piaciuta, glila ho presa da QUI

(La cultura seve sempre)

sabato 3 giugno 2017

MERLOT SALVATO DALLE ACQUE

Ovvero: narrazione strappa lacrime delle avventure di un gatto,  con lieto fine.

Alle 13.40 di mercoledì ho ricevuto una telefonata con una richiesta d’aiuto, ecco la storia.

Una grande cantina vinicola è un luogo complicato, un ettaro e mezzo di accaio e ingranaggi con acqua che scorre ovunque.
Quando non si è in vendemmia o nel pieno dei lavori di vinificazione, si fa manutenzione; insomma, non è un posticino tranquillo in cui passeggiare. 2006-07-070020

In primavera si sa non c’è un gran via vai d’uve e quindi la zona di scarico è uno degli angoli meno frequentati.

Una gatta inesperta ha quindi pensato che, se si fosse tenuta, diciamo così, alla periferia, in zona di scarico appunto, avrebbe potuto trovare un nido adatto a partorire.2006-07-070022

Peccato che la micia non poteva immaginare che quello che lei giudicava un’angolo tranquillo, sarebbe diventato alcune settimane dopo un punto soggetto a manutenzioni e lavori.

Il traffico del lavoro non è piaciuto alla gatta che è stata vista aggirarsi inquieta e preoccupata per la cantina, ma nessuno poteva sapere che  proprio li attorno s’era sgravata. 2006-07-070028A

Venerdì scorso un elettricista al lavoro ha sentito un flebile miagolio e cerca che ti ricerca ha trovato, in una tramoggia di scarico, accanto ad un piano di ribaltamento, uno sparuto micino disperato, denutrito ed abbandonato dalla gatta che, o disturbata dai lavori o incapace di raggiunerlo nella fossa, lo aveva lasciato solo.

Il minuscolo micio di poche settimane è stato raccolto dall’elettricista e consegnato al gattile per le cure del caso.2006-07-070043

Passano i giorni e la settimana successiva si sentono altri miagolii lievi lievi. Non si trova nulla, si cerca ancora orientandosi con il pianto, finchè ci si rende conto che non dalla tramoggia vengono i suoni ma da sotto il piano di ribaltamento. È una grande lastra di accaio zigrinato su cui i camion senza ribaltabile vengono fissati  con catene poi grazie ai pistoni nascosti al di sotto vengono rovesciati.
Sotto la lastra c’è dunque una buca di difficile accesso che ospita i meccanismi di spinta.

Il mio compagno ci si infila e una triste scoperta lo aspetta: due gattini morti da qualche giorno uno affianco all’altro. Eppure un miagolio lui era certo di averlo sentito.2006-07-070045

Sotto la buca dei pistoni c’è una fossa di scolo, un sottosuolo intricato e profondo allagato di acque piovane e di lavaggio con una piccola botola di ispezione, molto piccola.

Vuoi che uno non sia caduto laggiù?

Fortuna che Bobbedol è magro, stringendo le spalle si intrufola in quel buio, la torcia illumina il fondo coperto da una spanna d’acqua, a lato un isolotto di detriti di 20 cm di diametro.

Sull’isolotto un cosino minuscolo chiama.

Avete mai salvato un gattino in difficoltà? Sono graffi e morsi assicurati, per quanto bisogno di aiuto abbia, la paura predomina e contro l’enorme umano che protende la mano il micio si difende.

Questa volta no, si affida subito al soccorritore, che se lo appoggia al petto,  comincia subito a fare le fusa pronto per la risalita verso la luce.

Probabilmente l’acqua che rendeva tanto inospitale quel pozzo ha salvato il gattino, caduto più in basso dei fratellini morti, consentendogli d bere.2006-07-070060

Ecco dunque la telefonatata:

-Vieni subito in cantina, porta qualcosa per un gattino abbandonato e dentrito di si e no 30 giorni.

Acqua e zucchero, una siringa senz’ago un po di una scatoletta da diluire eventualmente in acqua, cesta dove metterlo e via di corsa.

Nel magazzino della cantina su una pila di scatoloni attorniato dagli operai ecco il salvato.

Gli occhi ancora blu da lattante ha disdegnato acqua  zucchero e siringa, ha subito addentato un po di scatoletta che gli porgevo, e con essa il mio dito.

AIH! Bene vuole vivere!
E aveva già ricevuto un nome, salvato dall’acqua sotto una buca in cui si scarica l’uva MERLOT, Bobbedol il cantiniere l’aveva battezzato.2006-07-070062
(Le foto del post le ho fatte in una cantina durante un concerto che vi si è tenuto qualche anno fa)

L’ho portato a casa, asciugato,  nutrito ogni mezz’ora con poca scatoletta per volta.
Ora delle 16, quando apriva il veterinario aveva già l’aria più vispa.

Eccovelo qui nelle mani della veterinaria, ve lo presento:20170531_9999_1a da grande avrà il pelo lungo,20170531_9999_5a
il musetto sveglio,20170531_9999_3a
e tanta energia.

La visita ha confermato il mese scarso d’età l’ottimo carattere, la denutrizione ma la buona salute complessiva, un po’ di congiutivite, qualche pulce e già molti vermi. Provveduto a tutto ciò, occorreva trovargli casa, abbiamo già due gatti di cui una in un periodo di pessima salute, non era il caso di aggiungerlo.

La profusione di fusa che distribuiva ha conquistato tutti, medici e persone in sala d’attesa. I veterinari si sono resi disponibili a tenerlo in osservazione qualche giorno e chi aspettava il suo turno ha subito provveduto a fotografarlo e a mettre la sua storia su FB

A sera tornando dai vetreniari per la terapia alla mia gatta ho avuto la buona notizia il micio aveva già trovato casa.

Era in collo ad una signora che gli mormorava parolette dolci mentre lui con la zampetta cercava di toglerle gli orecchini.

Chissà se gli lascerà il suo nome?

domenica 30 aprile 2017

1° MAGGIO STORIE DI LAVORO

 

Un libro di 133 anni fa da non perdere.

9788420662671

Buon “PRIMOMAGGIO” a chi lavora e a chi vorrebbe farlo.

20150513_0034

martedì 28 marzo 2017

INCONTRARSI A RICCIONE

Ovvero: sorprese.

Altrove simili incontri sono più frequenti, ma qui sono una rarità20170223_3238a
Tempo fa una sorpresa inattesa andando a fare la spesa; sempre avere la macchina fotografica con se. 20170308_3509a
Un paio di settimane dopo le ho incontrate per più giorni di seguito in un campo vicino all’ingresso dell’autostrada.

Le cicogne forse per la loro notevole dimensione, forse per l’eleganza o per la rarità qui da noi,  hanno un fascino tutto loro.  Ad ali spiegate sono meravigliose.

venerdì 17 marzo 2017

I VOUCHER ED IO

Ovvero il lavoro senza dignità.

Siamo in argomento, proprio oggi un decreto li abolisce, a partire dal 2018 però, niente fretta mi raccomando.

Questa sono io:

20170315_125150a

L’anno passato la ditta in cui lavoravo decide di avviare le procedure di messa in liquidazione, migliaia di euro di iva non pagata e le casse vuote. Chi la gestiva si preoccupa però di cercare di tutelare chi ci lavorava. Fa un accordo con quelli che allora erano i nostri commercialisti che ritenevano la ditta “salvabile” e che  vollero “rilevarla” per quanto si possa rilevare una cooperativa, una falsa cooperativa forse è meglio dire.

Si impegnano a riassumere i dipendenti, e si comincia a “svuotare la ditta”.  Acquistano i beni strumentali, creano una nuova azienda (srls) a cui li intestano e cominciano ad assumere qualcuno degli operai con contratti a chiamata e a tempo determinato: siamo a fine giugno ed i nuovi contratti scadono a fine dicembre. Nella vecchia ditta ero l’unica impiegata gli altri tutti operai, rimango per ultima e a fine luglio vengo licenziata.  Nel frattempo ho seguito come segretaria entrambe le ditte, la morente e la nascente.

La nuova direzione ha avuto tutto il mese di luglio per decidere come assumermi, infine, decisione presa: i voucher!

-Si dai, così tu prendi un po’ di disoccupazione e noi risparmiamo-

-Già, però… come magazziniera, sai i voucher non sono previsti per gli impiegati, tu fai la segretaria ma ti segnamo come magazziniera, giusto per iniziare, poi ti assumiamo…-

E questi sono i Voucher con cui mii hanno pagata:voucher001

Perdonate, ho cancellato codice fiscale e parte della numerazione per ovvi motivi.

Per due mesi di lavoro 40 buoni: 20 voucher ad agosto e 20 a settembre, il resto tutto in nero, ma non i 10,00 euro del costo del voucher bensì i 7,50 così hanno risparmiato ancora un po’

Tanto se viene un controllo siamo a posto, noi i buoni per te li abbiamo attivati!.
Fino ad allora non occorreva nemmeno comunicare da quando a quando il lavoratore avrebbe prestato la sua opera, che tu facessi un’ ora o che ne facessi 16, l’importante era che i voucher fossero stati attivati, praticamente LA FESTA DEL LAVORO NERO.

Mi sono trovata, in un certo modo, anche dall’altra parte; ho dovuto cioè essere io ad attivare i voucer per altri.
In agosto la direzione era tutta in ferie e raggiungibile solo per telefono, occorreva fare un viaggio per un trasloco sino a Udine, decisero di far fare il viaggio anche a due facchini da pagare con i famigerati buoni. Dopo lunghi conciliaboli decisero che attivarne quattro a testa bastava, e così io feci.

Il viaggio Rimini Udine più veloce della storia: quattro ore andata e ritorno.

Poi il nostro governo si è reso conto che almeno occorreva che all’attivazione venisse comunicato da che ora a che ora l’operaio avrebbe lavorato.

È finita che a fine settembre mi hanno chiamata nei loro uffici di commercialisti (loro in ditta non c’erano mai),  hanno detto, vieni su subito appena smetti di lavorare che ti paghiamo il mese. Era un venerdì e rimasi molto stupita. Stupita ma non stupida e immaginai qualche inghippo.

Arrivai, mi pagaraono e dopo pagata mi chiesero le chiavi, da quel giorno non ho più lavorato. Dovetti giorni dopo attendere che ci fosse qualcuno disposto ad aprirmi in modo da recuperare le mie cose in ufficio.

Quelli della “nuova ditta” devono peraltro ancora pagare i mezzi acquisiti dalla vecchia che intendeva,  con quel denaro, pagare tutti i TFR, ne consegue che i TFR non sono stati ancora pagati.

Ma per fortuna il mondo è pieno di belle persone.

mercoledì 1 marzo 2017

EDUCARE NON REPRIMERE

 

Arrivo come sempre in ritardo, ma arrivo.
Grazie a CASSETTI CONFUSI dove ho trovato la notizia dell’iniziativa.

Riprendo parte del suo post e lo ripubblico:

“Piena adesione all'iniziativa lanciata da: Web sul blog   e l'Agorà alla quale  youtubers, grafici e webmasters stanno rispondendo con entusiasmo condividendo banner, video e tutto quello che serve, per diffonderla.

Lo scopo dell'iniziativa è quello di manifestare perplessità e dissenso nei confronti  della proposta di un DDL   che con la scusa di legiferare per combattere il fenomeno delle fake news e degli insulti sul web, traccia invece regole liberticide nei confronti di siti e blog che poi non sono certo i luoghi dove questi fenomeni sono più frequenti..”

Fin qui il post ripeso da Hyde qui sotto la mia aggiunta:

Vorrei tra l’altro che mi spiegassero come faranno a discriminare tra chi diffone scentemente una fake news con lo scopo di disinformare,  e chi la ripubblica in buona fede credendoci.

A mio parere solo attraverso l’informazione corretta e l’educazione all’ uso dei media si può contrastare il fenomeno, solo quando chi legge capisce ciò che legge il fenomeno sarà arginabile.

Non servono bavagliIMG_1846a

IMG_1847aApprofondimenti sul testo del DDL presentato in questi giorni in Senato

sabato 18 febbraio 2017

POST RITARDATARIO

Ieri 17 febbraio, avevo alti più pressanti impegni.

Alcuni dei miei gatti

mingus aMingus, la gatta feroce anno 1981-1991

Aprile 1993 pietro con bluto e zeta 1 a

Mio padre diceva di non amare i gatti, una volta che venne a trovarmi a terre basse rimase tutto un pomeriggio senza muoversi per non disturbare Bluto che gli dormiva in testa, e Zeta che gli si era accoccolato sul braccio. Era il 1993 e i due erano arrivati in casa da pochi giorni.2006-02-200087

Bluto in casa con noi rimase 19 anni, Zeta ebbe meno fortuna. Un automobile mise fine alla sua vita come peraltro era accaduto a Mingus e a Frine che abitò con noi pochi mesi, Tonto, la sorella di Frine ce la rubarono poco dopo, era una pseudo certosina bellissima, ma come dice il suo nome… Non propriamente furba.

2006-02-200063a
Questo è Keef, comparve davanti alla nostra porta qualche mese dopo la morte di Zeta, era in condizioni pietose, un cucciolo abbandonato, magrissimo pieno di croste… Divvenne un bel gatto ma rimase più timido rispetto agli altri. Morì prima di Bluto malgrado fosse più giovane, lo tradirono i  reni come accade a molti gatti.

Oggi a farci compagnia sono altri due gatti, la minuscola Vei, micia che non sta ferma un attimo, cacciatrice spietata, ficcanaso e sempre a dire la sua su tutto e suo fratello il più posato e tranquillo Nurù

20160322_6101Molto tranquillo

20150123_0176a

E molto irrequieta.

Vi lacsio un link se volete divertirvi un po’

Ed una foto un po’ crudele
20161217_0082a

Indovinate di chi è la zampa.

giovedì 5 gennaio 2017

LAVORO FINITO

Pronto giusto per l’epifania il pannello per il pronipote, ad un certo punto me lo hanno sottratto di mano e spruzzato con la finitura, altrimenti ogni volta che ci passavo vicno mi veniva in mente qualcosa da agguingere.
  20170105_2879a

Sul lato abbiamo aggiunto un listello su cui indicare le altezze di tutta la famiglia spostando delle mollette colorate; per ora babbo mamma e bimbo, provvederemo ad incrementare le mollette in caso di bisogno, sorelle future o nonni attuali, noi no, i prozii non contano.

In alto un’irreale farfalla ed uno scoiattolo da cartoon; mammifero ed insetto.20170105_2880

Poco sotto ecco l’ultimo inserimento, a rappresentare il mondo dei rettili una lucertola, sono stata tentata da un serpente, ma non avrei avuto l’approvazione di Bobbedol.

20170105_2881

Scendendo ancora, delegato per gli uccelli è il pettirosso che già conoscete, eccolo mentre guarda uno stelo d’avena.

20170105_2882

In basso tutto un mondo più scuro e misterioso con rane e ragnetti, un minuscolo pesce e una coccinella che in foto non si vede.
Chi la trova?

20170105_2883

Ora non rimane che incartare il tutto e sperare che non finisca dietro ad una porta o in cantina. (Non me ne stupirei)

Quasi quasi allego un biglietto con una condizione vincolante: se non lo usate ridatemelo che una destinazione decente gliela trovo di sicuro.